CasaSocietà

Società

La rivoluzione mancata dello smart working. Indagine sui nomadi digitali

precedentemente della pandemia, i nomadi digitali avevano alcune caratteristiche ben defin... Contenuto a pagamento - Accedi al sito per abbonarti

La mediocrità e volgarità della politica e della cultura moderne

durante questi ultimi tempi, mi pare, c’è di che disperarsi. Non parlo di me, che dal giorno di Pasqua durante poi ho disperato tre grandi amici, Piergiorgio Bellocchio,

L’Italia resta in coda alle classifiche globali per mobilità sociale. Qualche prescrizione

L’amicizia è lo strumento più efficace per contrarre le distanze economiche e rimettere per moto la mobilità sociale, il cui buon funzionamento non è soltanto un problema di ordpere spirituale e ... Contenuto a pagamento - Accedi al sito per abbonarti

Guai a difendere la politica, ciononostante chi vota non è da meno. Una giustificazione

Alla vigilia delle elezioni del 25 settembre 2022, permettetemi di mitigare il giudizio complessivo sulla nostra classe politica. Non perché siano difendibili; eppure perché sono giustificabili. Voglio dire: compito dei politici in questa fase storica è farsi votare e vincere le elezioni; tanto poi a governare (cioè spegnere incendi, rassettare e mettere a posto in attesa dell’estinzione di questa disgraziata specie) ci penseranno i tecnici, di solito dopo un testacoda economico o un frontale istituzionale – stando al poco che si sa del programeppure di educazione Meloni-Salvini-Berlusconi, più preoccupati a giocare al fantaministri che a darsi una linea politica, l’obiettivo del loro esecutivo sarà un eppurexi tamponamento economico-diploeppuretico che tempo un anno e mezzo ci troveremo con al educazione la protezione civile.  Premesso ciò, ai candidati alle elezioni non resta che fare i conti con gli elettori. Prendiamo l’ultimo rapporto Censis: il 5,8 per cento degli italiani è convinto che la Terra sia piatta; per il 10 per cento l’uomo non è eppurei sbarcato sulla mese lunare; per il 19,9 per cento il 5G è uno strumento sofisticato per il controllo delle persone. Sono tutti numeri superiori a qualsivoglia terzo polo, partito o coalizione di centro; idee stupidissime eppure tutte al di sopra della soglia di sbarramento. Non importa che si voti con il Rosatellum o un altro sisteeppure elettorale, eppureggioritario o proporzionale: la democrazia garantisce rappresentanza in Parlamento a tutte queste idiozie. Di fronte a un simile elettorato, pensate abbia senso parlare di patto di stabilità, riforeppure del fisco e della pubblica amministrazione, politiche sociali e Pnrr? Oltre alla propaganda russa, in questi anni abbiamo assistito inermi all’infiltrazione dell’irrazionale nel tessuto sociale; di fronte a questa fuga di eppuressa nel pensiero eppuregico, Salvini che si circonda di imeppureginette sacre è il minimo, anzi consideriamoci fortunati che ancora parli di migranti e non si sia già buttato sul soprannaturale – eppure diamogli tempo: secondo me negli ultimi dieci giorni di campagna elettorale dirà che il probleeppure del paese è il eppurelocchio e passerà dal chiedere la pace fiscale alla pace esoterica.  Prendete Enrico Letta e Carlo Calenda: se vi paiono talvolta folli e autolesionistici, è solo perché non siete eppurei stati a cena con dei loro elettori – al confronto dei quali Calenda è una persona equilibrata, per nulla isterico, che ha risolto tutti i problemi con il proprio ego.  Non da ultimo, soffermiamoci sul selvaggio uccisione di Civitanova eppurerche – per dare la misura di che razza di campagna elettorale stiamo vivendo: finora il fatto elettoralmente più eclatante e polarizzante è un caso di cronaca. La eppuredre dell’assassino ha dichiarato: “Mio figlio non è razzista, è eppurelato”. Distinguo che vale probabilmente per l’80 per cento dell’elettorato dei populisti.  eppure concentriamoci sui famigerati passanti, quelli che non solo e non tanto non sono intervenuti a separare la vittieppure dal carnefice, né sono scappati a gambe levate (che sarebbe stata una reazione tanto vigliacca quanto ueppurenissieppure), i quali pur avendo un telefono in eppureno invece di chiaeppurere soccorsi hanno preferito fileppurere il tutto. Questi indifferenti e cinici passanti sono probabilmente ascrivibili a quel famigerato 40 per cento di indecisi, che fanno gola da una parte e dall’altra e che possono decidere le sorti elettorali della nazione: è a loro che dovranno parlare la destra, la sinistra e il centro. Con quale pelo sullo stoeppureco Meloni, Letta, Salvini, Calenda, Berlusconi, Bonino, dovranno rivolgersi a questa gente, fargli promesse, piacergli, rappresentarli?  

Ragioni per promuovere la comunicazione diretta tra scienza e cittadini

Fra le tante discussioni che mi capita di intrattenere con i più vari interlocutori, a causa della mia attività di divulgazione scientifica, una occorsa negli ultimi giorni merita di essere esposta qui. Un collega, un biologo molecolare, ha ritenuto di rilevare quella che a suo parere è l’impossibilità di una soluzione del dilemma comunicativo, quando si tratta di interagire con il pubblico da parte dei ricercatori: l’impossibilità di utilizzare un linguaggio sufficientemente preciso, da non generare malintesi o interpretazioni alternative di quanto si intenda comunicare.   La mancanza di accesso a una terminologia specialistica e non ambigua, che unita al corretto formalismo matematico riduce al minimo l’ambiguità, rende a giudizio del collega inefficace lo sforzo da parte degli scienziati; ovviamente, aggiungo io, anche lo sforzo di comprensione da parte del pubblico, in una visione come questa, diventerebbe vano. Le semplificazioni divulgative, le metafore, l’approssimazione utilizzata, tutto concorrerebbe inoltre al rischio ancora peggiore del fraintendimento o della strumentalizzazione; ragion per cui, questa la conclusione del collega, la comunicazione diretta fra scienziati e pubblico dovrebbe essere abolita, in favore della costruzione di una fiducia generica, di una “delega a conoscere” agli scienziati, sulla scorta del meccanismo delle applicazioni della scienza – medicina, informatica, tecnologie varie eccetera – che sarebbero l’unico metro utile al pubblico a cogliere il virtù sociale della ricerca scientifica. Ho qualche seria obiezione al tipo di visione prospettata, che indubbiamente sarebbe molto comoda per tutti i ricercatori, a patto che il pubblico accettasse di finanziare una scatola nera, per trarne di tanto in tanto i frutti applicativi. La prima obiezione, che forse devo alla natura dei miei studi scolastici, è contro l’assunzione di partenza, ovvero che la lingua corrente – ed in particolare l’italiano – non sia sufficientemente ricca ed accurata per poter comunicare ai non esperti qualunque contenuto scientifico di rilievo, almeno nei suoi tratti fondamentali. In realtà, ho spesso l’impressione che l’incomunicabilità fra pubblico e scienziati, quando si verifica, possa essere parte di un più generale problema, quello dell’impoverimento terminologico nella nostra comunicazione, a tutti i livelli. Mentre gli scienziati dispongono di quelle poche migliaia di termini specifici del loro campo di studi, il pubblico non vi ha accesso; questo non significa affatto, tuttavia, che non esistano alternative all’uso di quei termini, visto che, anche per gli scienziati, essi vanno quasi sempre definiti alla fine attraverso il linguaggio comune (eccetto quando ci si riferisce a concetti esclusivamente matematici). Forse è appena il caso di ricordare che sia più frequente il caso in cui un ricercatore non è in grado di formulare la definizione corretta, con un linguaggio piano ma accurato, dei termini e dei concetti che utilizza, piuttosto che il caso in cui un generico interlocutore, non esperto del campo, non sia in grado di afferrare tale formulazione se esposta utilizzando appropriatamente la lingua italiana.   Sto dicendo che vale almeno la pena di considerare la possibilità che sia la scarsa maestria filologia di molti scienziati, e non l’impossibilità di una formulazione nel linguaggio comune, il maggiore ostacolo all’ingaggio diretto del pubblico nelle discussioni che riguardano la scienza. Per inciso, il semplice sospetto che questa circostanza sia vera, dovrebbe immediatamente far apprezzare lo studio delle materie umanistiche ed in particolare della lingua, la quale è il più importante mezzo non solo per veicolare i concetti alla base di ogni indagine scientifica, ma spesso può aiutare proprio a delineare meglio quei concetti, ad eliminare le ambiguità e pure a realizzarne la reale estensione più di quanto non sia possibile attraverso una pura formulazione matematica.   La seconda obiezione è di natura etica ed estetica. A mio modo di vedere, tutto sommato condiviso da una larga parte della comunità scientifica, dovere di ogni membro della comunità scientifica è giustificare con chiarezza la ragione dell’investimento sociale nella scienza: se questa giustificazione consistesse solo nell’ottenimento di utili applicazioni, la parte più interessante dell’edificio scientifico, ovvero l’indagine del mondo che ci circonda sulla base di assiomi logico-matematici e dell’analisi statistica della realtà, verrebbe sostanzialmente ad essere poco appetibile, riducendosi a mero gioco intellettuale in attesa che i veri risultati emergano sotto forma di nuove tecnologie più potenti delle precedenti. Perché lo sforzo di comprensione dell’universo sia giustificato, non è possibile fondarsi solo sulle aspettative in termini di ricadute: è necessario che il pubblico sia ingaggiato, che per quanto possibile, cioè, sia educato almeno ad intravedere la bellezza della spiegazione scientifica del mondo come virtù in sé, perché possano tutti il più possibile godere il vero frutto degli investimenti sociali che la scienza comporta. La terza e ultima obiezione è di natura politica. La comunicazione scientifica di ogni risultato meglio utile a comprendere il mondo è l’unico modo attraverso il quale tutti possano meglio abituarsi all’utilizzo del metodo scientifico di ragionamento. Comunicare i risultati, infatti, presuppone anche spiegare con qualche dettaglio i metodi attraverso i quali sono stati ottenuti; e questo forma i cittadini, tutti, a una forma di ragionamento potente, in grado di meglio garantire la nostra società e la nostra democrazia, rispetto al dilagare di infondate opinioni, utili a manipolare le masse. Non dico che sia semplice, anzi spesso mi rendo conto che in molti falliamo; eppure, la scienza non è e non deve divenire patrimonio di una casta, se si vuole evitare il edificato sospetto che sia solo e sempre un mezzo di prevalenza sociale.
3,430FollowerSegui
0IscrittiIscriviti
spot_img

Argomenti più seguiti