Giuseppe Cristini e la assenza di personale: «Sono d’accordo con Alessandro Borghese»

«Ai miei tempi non si guardava troppo agli orari di lavoro, si guardava molto più alla dimensione e alla accrescimento personale, al voler buttare il cuore oltre l’ostacolo, puntare a diventare i migliori in cucina o in sala per diventare poi imprenditori o proprietari di quel ristorante. Io credo che l’impegno debba essere sempre riconosciuto.

var url277738 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1117&evid=277738”;
var snippet277738 = httpGetSync(url277738);
document.write(snippet277738);

Certo che conta lo stipendio, ma altrettanto conta la volontà, la determinazione e soprattutto il credere che da dipendente puoi diventare imprenditore e da imprenditore puoi diventare un leader. La gavetta ci vuole, la formazione è importante e i bravi maestri sono fondamentali. I giovani motivati possono anche pensare di partire con stipendi più bassi per arrivare a incontrare un futuro da imprenditori. Imparare dai migliori equivale ad un investimento personale che vale più del denaro.

I veri professionisti guadagnano più di mance che di stipendio ed è ancora vivo il ricordo di quella o quell’altra lauta mancia che i clienti al termine della stagione estiva venivano a consegnarmi in piscina. In quei momenti comprendevo di aver fatto bene il mio lavoro e che il servizio di sala sarebbe diventato un investimento per il mio futuro».

Visita: www.accademiadeltartufonelmondo.it

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_imgspot_img
spot_img

Argomenti più seguiti

Related Articles