Quirinale, Salvini: “Elezione presidente e governo sono cose separate”. Orlando (Pd): “Fantasie”. Sgarbi: “Casini? I miei scoiattoli votano Casellati”

Al termine della seconda fumata nera, mentre Enrico Letta dichiara che “dobbiamo rinchiuderci in una stanza a pane e acqua e buttar via la chiave finché non si trova una soluzione”, Matteo Salvini, dopo la presentazione della terna di centrodestra, tira dritto per la sua strada: “Nella storia del presidente della Repubblica ci sono state elezioni risicate al 53% come con Napolitano ed elezioni che hanno sfiorato l’80% e quindi un conto è il governo, un conto l’elezione del presidente della Repubblica. Sono due destini diversi”. Visione diametralmente opposta quella di Andrea Orlando: “Fantasioso e improbabile pensare che si compia una lacerazione in un momento come questo in cui nessuna coalizione da sola ha la maggioranza assoluta, e quindi andando a cercare l’ultimo voto e poi il giorno dopo non succede niente”. Orlando poi evita di rispondere all’eventualità che si converga su Pier Ferdinando Casini. “La terna si può giocare al lotto – è la non entusiastica posizione di Vittorio Sgarbi – ne sceglie uno la sinistra o li votiamo una alla volta per farlo trombare?” si chiede il numero uno ‘dell’operazione Scoiattolo’ per Silvio Berlusconi. Sgarbi esclude che a spuntarla alla fine sia Casini.

“La Casellati potrebbe avere i voti degli ex 5 stelle che avevo raccolto – e conclude – il centrodestra aveva un’opportunità straordinaria di dire da subito Draghi e imporlo al centrosinistra che non poteva non votarlo. Ora è messo male anche Draghi. Insomma è un bel casino”. La terna proposta da Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia, sembra non entusiasmare neppure il numero due della Lega, Giancarlo Giorgetti: “Dovete avere pazienza”. Che i nomi della ‘terna’ abbiano poche possibilità lo si evince anche dalle dichiarazioni pentastellate: “Importante è che il dialogo sia partito” afferma Spadafora e Luigi Di Maio ai cronisti lascia solo un breve “sono ottimista”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un’informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie,
Peter Gomez

Sostieni adesso

Articolo Precedente
Quirinale, la strada che porta al presidente passa da una “stanza chiusa”? L’invito del centrosinistra: “Mercoledì giorno chiave”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_imgspot_img
spot_img

Argomenti più seguiti

Related Articles